Stato: Archiviata
3 - 4 marzo

Just the woman I am: l'edizione dei record

È stata l’edizione dei record: non solo per le 20mila iscrizioni totali, ma anche per i quasi 500 iscritti del Politecnico, tra cui per la prima volta erano presenti anche gli Studenti Internazionali. Due giornate, quella di sabato 2 e domenica 3 marzo, che hanno visto una grandissima affluenza, oltre 100mila passaggi, per la sesta edizione di JUST THE WOMAN I AM, l’evento ormai simbolo del capoluogo piemontese per la raccolta fondi a favore della ricerca universitaria sul cancro. Un risultato creato dal lavoro sinergico dell’Ateneo, dell’Università degli Studi di Torino e dal CUS Torino che ogni anno devolvono il ricavato, dedotte le spese di gestione dell’evento, a favore della ricerca universitaria sul cancro.

Il "Villaggio della Prevenzione", ha aperto l’evento con visite gratuite offerte dalle associazioni presenti in piazza, per poi culminare con l’ormai famosa corsa/camminata di 6km. Per i saluti istituzionali sul palco il Presidente CUS Torino Riccardo D’Elicio, con, per il Politecnico, Ilaria Adamo, Direttrice Generale, Francesca Verga, Laura Montanaro, Delegata del Rettore per le Valutazioni Strategiche; per l’Università degli Studi di Torino Elisabetta Barberis Prorettrice, Loredana Segreto, Direttrice Generale, Lorenza Operti, Vice Rettrice per la didattica e per l'internazionalizzazione, Umberto Ricardi Vice Rettore per l'Area medico-sanitaria, Chiara Benedetto, Direttrice della Struttura Complessa Universitaria di Ginecologia e Ostetricia 1 dell'Ospedale Sant'Anna; per la Regione Piemonte Sergio Chiamparino, Presidente, Nino Boeti Presidente del Consiglio Regionale; Giuseppe Baldino, Direttore INPS Piemonte .

Ma la manifestazione non è ancora conclusa: grazie ai fondi ricavati dall’edizione 2018 di Just The Woman I Am, lunedì 11 marzo alle 20,45 al Teatro Carignano si terrà una “lezione-spettacolo” con testi e regia di Alessandro Perissinotto. Avvalendosi dell’energia narrativa propria della messa in scena teatrale, il testo affidato all’interpretazione dell’attrice torinese Laura Curino, lega e introduce 6 brevi talk scientifici di docenti dell’Università e del Politecnico di Torino, delle più diverse discipline, dalla fisica alla letteratura, dall’ingegneria alla medicina.